Gli Esseni e gli Angeli

 

 sceau-endroit.jpg

 

Il sigillo della Ronda degli Arcangeli

 

Consultando riviste di indirizzo esoterico o navigando su numerosi siti internet dedicati al “New Age” e allo sviluppo individuale, constatiamo che il tema degli Angeli è diventato molto di moda.

Molti terapeuti si dichiarano guidati da queste grandi creature di Luce e affermano di essere ispirati dal loro angelo custode.

Ma di che cosa si tratta in realtà?

 

*        *        *

 

Intraprendendo il sentiero del Risveglio interiore e dell’iniziazione, prendiamo subito coscienza che soltanto il lavoro individuale permette di progredire e di trasformarsi.

 

Tuttavia oggigiorno una tendenza molto in voga consiste nel far credere a chi si mette in cammino che si possono ottenere grandi risultati senza molto sforzi, che il mondo divino si trova dentro un grande distributore automatico e che basti inserire una monetina affinché risponda alle nostre domande. In realtà questa falsa spiritualità, celata dietro un’ingannevole apparente facilità, cerca di manipolare gli uomini e le coscienze…

 

Un po’ di Storia…

 enoch.jpgENOCH

Secondo Enoch, il padre della tradizione essena, una grande guerra si è combattuta nel cielo. Alcuni Angeli hanno volto il loro sguardo verso gli uomini e se ne sono innamorati. Poi li hanno sedotti e istruiti e hanno trasmesso loro le scienze matematiche, la geometria, la poesia, l’agricoltura ma anche l’arte di costruire armi e di fare la guerra, di costruire case o di praticare la medicina. Essi hanno offerto agli uomini tutto ciò di cui avevano bisogno per vivere con un corpo fisico.

 

L’altra parte degli Angeli, invece, è rimasta fedele alla Luce, a colui che chiamiamo Dio. È rimasta fedele al mondo divino, al mondo superiore, a un mondo di beatitudine e di armonia.

 

Il sapere di questi Angeli Luminosi, veri Angeli custodi, è stata trasmessa da Enoch, e del resto tutta la letteratura si è basata sui suoi scritti millenari.

 

 

Gli Angeli nella nostra vita

 

Per gli Esseni, gli Angeli sono presenti nel lato invisibile ed eterico della vita.

 

Si trovano nei nostri pensieri, nei nostri sentimenti, in tutta la nostra esistenza… Vivono realmente e formano un mondo intorno a noi e hanno come vero nome la Saggezza, l’Amicizia, la Bellezza, l’Armonia…

 

La Saggezza, ad esempio, è un angelo magnifico che può illuminare il mondo. permette all’uomo di prendere visione delle molteplici incarnazioni, di prendere coscienza delle conseguenze dei propri atti e delle proprie parole… di cogliere ogni cosa, di comprendere ogni cosa.

 

Questa visione del mondo consente di capire come gli angeli siano delle creature esistenti con le quali gli uomini possono avere dei contatti ed evolversi. D’altronde gli Esseni sono sempre stati istruiti dagli Angeli Luminosi e mai dagli uomini né dagli angeli malati.

 

 

Gli angeli dannati

 

In origine l’Amicizia, la Bontà, la Saggezza, la Solidarietà, l’Amore… erano Angeli della Luce venuti per istruire l’uomo. Sfortunatamente, queste creature luminose sono state beffate e tradite dall’umanità che ha così perduto ciò che era stato donato in origine.

 

La sofferenza è nata perché gli uomini non hanno saputo rispettare le Leggi della vita.

 

 

In noi e intorno a noi vivono sentimenti e stati d’animo… Chi non ha mai sentito la sofferenza provocata da alcuni sentimenti? Chi non ha mai provato un turbinio interiore, che non si  mai sentito corroso dalla paura, dallo stress, dall’angoscia, dalla pena? Chi non si è mai sentito attaccato da forze che si fanno strada contro il nostro volere?

 

Solitamente gli uomini attribuiscono le cause a dei processi chimici… Ma da un punto di vista iniziatico si tratta di forze squilibrate: Angeli dannati, malati che entrano in casa nostra (il nostro corpo) come dei ladri.

 

Se non facciamo niente per rimediare alla situazione, per liberarci, per purificarci, se non sappiamo come aprire e chiudere le porte, allora queste forze s’insediano e prendono il controllo della nostra personalità. In un momento le conseguenze sono ineluttabili. La nostra anima è imbavagliato e non riesce più a esprimersi. È come chiusa in soffitta e finisce per essere dimenticata sotto uno strato di polvere.

 

 

Come può un Angelo cadere?

 

Gli Angeli sono caduti in due modi: alcuni sono stati spogliati della loro funzione originaria dall’umanità che in tal modo li ha resi malati.

 

È questo il caso dell’Angelo del tabacco. Al loro arrivo in America, gli europei si sono accaparrati il suo corpo fisico, la fogli di tabacco.

 

Non hanno compreso il lato sacro contenuto nel rito degli indiani quanto questi ultimi condividevano il calumet della pace.

 

Giustamente quest’Angelo è divenuto furioso in seguito alla profanazione e si è rivoltato contro l’umanità. Adesso gli uomini muoiono a causa del tabacco invece di riceverne la benedizione.

 

Questa spoliazione delle forze che originariamente erano pure ci mostra come l’ignoranza e la negazione del lato eterico della vita conducono al disastro.

 

 

Occorre dunque sapere che ogni cosa manifestata su un piano materiale è sottesa da un’intelligenza invisibile poiché niente nasce dal nulla. È per questo che il sapere esseno, se correttamente messo in pratica, produce una coscienza capace di ristabilire l’equilibrio tra tutte le forme di vita.

 

Il secondo modo di fare cadere gli angeli consiste nell’allontanarsi da loro. L’umanità si allontana per esempio da un Angelo magnifico, l’Amicizia;

 

tutti siamo d’accordo nell’affermare che vivere in amicizia procura l’evoluzione e la crescita individuale. Eppure  quante volte gli uomini hanno preferito tradire il loro amici, le loro convinzioni, le loro idee, tutte le loro amicizie visibili  e invisibili, a causa di motivi puramente egoistici?

 

Se la virtù dell’amicizia rappresenta un’ascensione, il tradimento è invece un’involuzione. Oggi, tuttavia, l’umanità agisce sotto il segno del tradimento e avanza guidata dagli angeli malati e dalla distruzione.

 

 

Giocare all’apprendista stregone

 

Esistono diversi generi di Angeli. In questa gerarchia quelli che si trovano più in alto sono i Custodi della nostra anima. Se l’umanità si allontano da queste grandi creature, si ammala e perde la protezione e la guida… Questa è una delle ragioni per cui nella nostra epoca molte anime sono in pena e soffrono. In realtà soffrono perché gli uomini, tradendo il Mondo degli Angeli, tradiscono anche la loro Anima Luminosa e vivono senza di essa.

 

Per ritrovarla e colmare il loro vuoto interiore, molti uomini si nutrono di una spiritualità moderna, quella che promette di ottenere tutto in un tempo record, senza un reale lavoro su se stessi.

 

Coloro che sono alla ricerca si fanno ingannare da specchietti per le allodole, cominciano a invocare gli Angeli, come ad esempio i 72 angeli della Kabbalah, senza porsi troppe domande. Ma quando si abbandonano a queste pratiche, capiscono davvero ciò che fanno e conoscono gli angeli ai quali si rivolgono?

 

Possono effettivamente dire che è giusto ciò che fanno e che le formule preconfezionate e le difficili scienze che gli vengono insegnate sono sane?

 

 

Lavorare con gli Angeli

 

L’esperienza ci insegna che restando semplici accediamo alla verità.

 

Gli Angeli sono un miracolo ma gli uomini non hanno saputo mettersi al loro servizio. Essi li hanno assoggettati chiamandoli solo per bisogni terreni e se ne sono serviti nella loro vita privata e limitata. In questo modo gli uomini hanno trasmesso agli Angeli la bruttezza, facendoli cadere.

 

Se vogliamo veramente entrare in contatto con un Angelo occorre che ci liberiamo di tutte le false credenze, di tutte le conoscenze e il sapere che non comprendiamo e occorre seguire l’esempio di Buddha: mettersi a terra, ri-centrarsi, risvegliare il proprio pensiero.

 

Soltanto un lungo lavoro, una costante disciplina, un rispetto delle regole dell’iniziazione, permettono di sviluppare in chi le pratica gli organi eterici. Si tratta di un unico cammino.

 

La comunicazione con un Angelo può realizzarsi solo per mezzo di sensi affinati. Nell’uomo questi organi di percezione si trovano nel mondo sottile.

 

Si tratta degli Angeli. Volersi avvicinare a quegli Angeli rimasti fedeli a Dio, essendo carichi di pensieri, sentimenti e desideri mortali, è praticamente impossibile. C’è un’ incompatibilità vibratoria poiché gli Angeli vivono nell’eternità divina.

 

Bisogna dunque risvegliare in noi questa energia superiore per poterci avvicinare al mondo divino. In ché modo? Sicuramente non formulando misteriosi incantesimi né sperando di ricevere il loro aiuto per la nostra vita materiale poiché, in questo caso, non sono gli Angeli della Luce a rispondere a questo appello ma delle entità in affinità con ciò che vive nell’uomo.

 

 

Invece potremmo per esempio fissare lo sguardo verso il cielo stellato e lasciare crescere dentro di noi un sentimento profondo d’eternità, d’immensità, che ci fa ridimensionare la nostra esistenza mortale. Questa sensazione di stupore davanti alla grandezza e alla bellezza ci porta al di fuori della nostra esistenza terrena e delle sue preoccupazioni. Gli Angeli potranno allora avvicinarsi e parlarci di ciò che è essenziale ed eterno dentro di noi.

 

 

I Maestri come intermediari

 

Gli Angeli hanno educato dei Maestri spirituali che sono diventati gli intermediari tra loro e gli uomini. Questi Maestri hanno potuto assolvere tale compito unicamente perché possedevano la visione di entrambi i mondi. Nella stirpe di Enoch tali furono anche Mosè, Gesù, Buddha, Mani, Peter Deunov, Rudolf Steiner, Omraam Mikhaël Aïvanhov…

 

Attraverso i loro insegnamenti essi hanno procurato all’umanità dei metodi semplici e precisi per vivere insieme agli Angeli. Se essi hanno parlato di morale, per esempio, lo hanno fatto unicamente perché è più gratificante vivere nella verità piuttosto che nella menzogna. In tal modo l’Angelo della verità ha ispirato questi grandi Maestri per donare a tutti gli uomini i mezzi per vivere accanto a loro.

 

È certo che un vero Angelo fa evolvere l’essere umano. Ma l’evoluzione è come un sentimento di montagna, come salire una scala. È questo percorso che intendono proporre oggi gli Esseni attraverso la pratica della RONDA DEGLI ARCANGELI.

 

In un’epoca in cui numerosi metodi permettono di soddisfare i nostri desideri, che senso avrebbe essere al servizio del mondo degli Angeli? Semplicemente per ricongiungerci con ciò che è bello e prezioso nella vita.

 

Cosa sarebbe l’esistenza senza l’Angelo della Vita?

 

 

Olivier Manitara